Il “limite” come esperienza di vita

L’interesse alla morte e alla malattia, ai fenomeni patologici, alla decadenza non è che una variata espressione dell’interesse alla vita, all’uomo, come dimostra la facoltà umanistica di medicina: chi s’interessa ai fatti organici, alla vita, s’interessa in particolare alla morte; e potrebbe essere oggetto di un romanzo avente per tema la formazione spirituale dell’individuo, mostrare che l’esperienza della morte è infine un’esperienza di vita, e che conduce all’uomo.

Ne La montagna incantata (1924), Thomas Mann ci ricorda come il concetto di “limite” sia cifra della nostra Esistenza. Limen è “confine”, ma anche – in alcune accezioni – “dimora”. Infatti nel limite sostiamo, in quanto la nostra vita è delimitata da due confini estremi, quello della morte e quello della nascita: la nostra esistenza è, dunque, circoscritta, connotata dalla Finitudine. Per cui il Tempo è il dipanarsi della nostra libertà, inscritta nella necessità.

A tal proposito, anche Karl Jaspers ci ricorda che:

noi non viviamo immediatamente nell’essere, perciò la verità non è il nostro possesso definitivo, noi viviamo nell’essere temporale, perciò la verità è la nostra via.

Oggi tutti viviamo, a causa dell’essere-gettati-nella-pandemia, una “situazione limite“, ossia quello che proprio l’Autore di Psicologia delle visioni del mondo (1950) intendeva come unica possibilità per sperimentare la trascendenza dell’Essere: quelle situazioni che ci pongono al cospetto della nostra limitatezza e che ci fanno esperire in scacco. Sofferenza, malattia e morte. Attraverso l’accettazione di questa cornice entro cui ciascuno di noi vive, possiamo riconquistare noi stessi: proprio al cospetto dello specchio di fronte al quale il limite ci pone.

Per cui, senza retorica, possiamo sfruttare questo periodo di quarantena anche per fare un bilancio delle nostre esistenze, cogliere l’occasione per guardare dentro noi stessi e dialogare interiormente, al fine di far emergere e comprendere se stiamo ben sfruttando l’unico spazio di libertà di cui disponiamo: la vita stessa.

Categorie:
Condividi:
Facebook
Twitter
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Continua a leggere

Articoli correlati

Riflessioni

Corpo e anima

«L’intero dell’uomo è il suo corpo insieme con la sua anima. Infatti, è proprio dall’anima che derivano all’uomo i più

Leggi Tutto »
Libri

L’amore che resta

Hanno questo di proprio le opere di genio, che, anche quando dimostrino evidentemente e facciano sentire l’inevitabile infelicità della vita,

Leggi Tutto »
Riflessioni

L’incompletezza

C’è tutto un periodo di preparazione per venire al mondo, sia nel corpo della madre che in quello del figlio

Leggi Tutto »
Counseling Filosofico

La Filosofia zoppica

Il terreno del filosofo è la mobile duna o la savana deglutitrice: o meglio la tolda di una nave trascinata

Leggi Tutto »
Counseling Filosofico

La questione del nome

“Di sicuro esiste una medicina per l’anima: la filosofia. Il suo intervento non si deve richiedere dall’esterno, come avviene per

Leggi Tutto »

Hai bisogno di informazioni?

Per qualsiasi esigenza, dubbio o domanda compila il form di contatto